menu
menu

“In ascolto della bellezza con UnipolSai”, quando le imprese fanno cultura

Il Meeting come esempio di collaborazione virtuosa tra imprese e realtà culturali

Il progetto “In ascolto della bellezza con UnipolSai al Meeting” è stato selezionato tra i venti finalisti che concorreranno alla premiazione del Premio Cultura + Impresa 2016 indetto da un Comitato non profit Cultura + Impresa, promosso da Federculture e da The Round Table, in collaborazione con la Fondazione Italiana Accenture, ALES, la Camera di Commercio di Milano e UPA – Utenti Pubblicità Associati.

I vincitori verranno annunciati pubblicamente nella seconda metà di aprile e verranno premiati in occasione di un workshop di premiazione che si terrà a Milano nella seconda metà di maggio. Il premio riservato ai primi classificati di quest’anno è ‘De Siderium’, un’opera creata appositamente dall’artista Silvia Iorio in collaborazione con Fondazione Exclusiva.

Nel 2016 UnipolSai, partner ufficiale del Meeting, attraverso il servizio “In ascolto della bellezza con UnipolSai”, ha offerto ai visitatori della manifestazione un nuovo modo di visitare le mostre attraverso un servizio di auricolari monouso per ascoltare e vivere al meglio la bellezza delle mostre di quella edizione. Ha inoltre permesso la realizzazione delle audioguide di tutte le mostre in formato digitale scaricabile sul proprio device dal sito del Meeting. “In ascolto della bellezza con UnipolSai” è stato anche il concept di base che ha portato alla valorizzazione dell’Arena Spettacoli del Meeting e degli eventi artistici, sviluppando il brand concepito ad hoc “Arena Spettacoli UnipolSai”. Il servizio con auricolare è stato disponibile per un numero complessivo di 50mila visite, dove ogni visita era riferita a una singola persona.

«Anche quest’anno la Short list dei 20 progetti del Premio cultura + impresa rappresenta una interessante e inedita fotografia di come oggi si articola il rapporto virtuoso tra cultura e impresa - sottolinea Francesco Moneta - presidente del Comitato Cultura + Impresa - è interessante osservare la varietà delle dimensioni, dei partner sostenitori, dei territori impegnati nel creare e consolidare rapporti sempre più forti e strategici tra progetti culturali di qualità ed esigenze di comunicazione e reputazione - piuttosto che motivazioni istituzionali - delle Imprese e delle Fondazioni erogatrici. Il ruolo di questo Premio è di rappresentare uno speciale ‘osservatorio-laboratorio-palcoscenico’ perché queste alleanze siano rese note e si diffondano».

Gli otto criteri di valutazione dei progetti, insieme al regolamento, sono disponibili sulla piattaforma digitale IdeaTre60 messa a disposizione dalla Fondazione Italiana Accenture: http://culturapiuimpresa.ideatre60.it/.